Published On: ven, Apr 19th, 2013

Il Volkspartei: no alla fine dell’Italia!

Un noto politico italiano a bordo di una FIAT rosso Ferrari che va a stamparsi contro il muro. Questa è l’immagine scandalo utilizzata nella campagna elettorale tirolese 2013. L’idea è venuta al Partito Popolare del Tirolo (Tiroler Volkspartei), che nel 2008 aveva vinto le elezioni e successivamente governato la regione tirololese insieme ai Socialdemocratici (Sozialdemokratische Partei).

Così, poster immensi (si parla di almeno 20 metri)  tappezzano la città di Innsbruck e dintorni. E che dire dello slogan?

Il cartellone elettorale recita così: “KEINE  ITALIENISCHEN VERHÄLTNISSE!“, ovvero “No alle condizioni italiane“, con corollario “il Tirolo deve rimanere governabile“. Scelta di comunicazione quantomeno discutibile, visto il momento delicato che il nostro Paese sta affrontando sia dal punto di vista politico, che dal punto di vista economico e sociale.

italienisch_grosse

Mentre gli italiani pagano a duro prezzo le inefficienze di una classe dirigente inadeguata, che forse alcuni hanno scelto, ma molti altri hanno fortemente criticato, quelli del partito popolare tirolese decidono di rappresentare la situazione del nostro Paese in modo macchiettistico. Un’Italietta inscatolata in una Fiat 500, sulla sinistra del cartellone, e alla guida della macchina chi hanno messo? Ovviamente il più famoso politico italiano all’estero degli ultimi anni (foto), quello che ha regalato trafiletti e copertine alla stampa europea, americana, ma soprattutto per noi, austriaca.

italienisch_kleine

Lasciando a voi conclusioni e commenti, noi di Scappiamo non possiamo non dire che rifiutiamo l’idea che la macchina Italia si sia già definitivamente schiantata contro il muro. Certo, non gode di ottima salute, ma per il bene nostro, delle nostre famiglie e dei nostri amici italiani, ci auguriamo che si possa ancora fare retromarcia e ripartire a testa alta, imboccando questa volta la strada della crescita e dell’equità sociale.

commenti

About the Author

- Mi chiamo Claudia e vivo da qualche anno nella patria di Mozart – per la verità nella sua città natale: Salisburgo. Lavoro a tempo pieno e quando posso scrivo qualche articolo. Prima di diventare a pieno titolo un’italiana in Austria lo studio e il lavoro mi hanno portato in Spagna, Danimarca e Belgio. Insomma, c’è chi è nato con la camicia, io sono nata con la valigia… E come me molti altri italiani se ne sono andati e se ne vanno in giro per il mondo con la loro valigia, ma spesso senza una guida che li aiuti a orientarsi nei luoghi in cui approdano. Perciò mi sono detta: perché non condividere le mie esperienze e informazioni di prima mano sulla rete? Et voilà, eccomi qui pronta a raccontarvi dell’Austria e curiosa di leggere i vostri consigli, domande ed esperienze.